Hai deciso di mettere in vendita la tua casa? Se ti affidi ad un consulente immobiliare qualificato, sarà lui ad occuparsi di produrre tutto il materiale pubblicitario necessario a promuovere il tuo immobile sui vari canali, ma vendere casa è un gioco di squadra e anche i proprietari hanno un ruolo importante nell’aiutare l’agenzia a presentare l’abitazione al meglio per il servizio fotografico e le successive visite di potenziali acquirenti.

Un annuncio ben scritto è sicuramente importante, ma gli esperti del settore concordano nel sostenere che le foto sono uno strumento fondamentale del marketing immobiliare.

 

Ma perché le foto sono così importanti?

Il portale “Idealista” cita una ricerca secondo cui il 98% degli acquirenti che hanno cercato casa online, ritengono che le foto siano tra le caratteristiche più utili dei siti web immobiliari.

Un potenziale compratore che consulta i vari portali immobiliari, imposterà la sua ricerca in base a criteri quali la fascia di prezzo, la posizione e il numero di camere e bagni, ma tra tutti i risultati corrispondenti alle caratteristiche prescelte, è sicuramente l’aspetto visivo quello determinante nello spingere ad ottenere maggiori informazioni riguardo un dato immobile.

Un’immagine attraente, soprattutto se realizzata da un fotografo professionista, aumenta quindi notevolmente le possibilità di suscitare l’interesse di potenziali acquirenti. (fonte: 6 consigli di marketing immobiliare per vendere una casa)

Abbiamo dunque capito che foto professionali ed accattivanti sono fondamentali nel catturare l’attenzione di chi scorre una moltitudine di annunci immobiliari e contribuiscono addirittura ad accelerare il processo di vendita. Ma per realizzare una foto promozionale della vostra casa veramente irresistibile non è sufficiente la sola abilità di un fotografo professionista, è altresì imprescindibile che gli ambienti della casa siano presentati al meglio.

 

Cosa si intende per presentare una casa al meglio?

Le foto di marketing immobiliare sono tanto più efficaci, quanto più rispondono ad una serie di caratteristiche specifiche.

L’attenta preparazione degli ambienti di una casa prima che venga messa sul mercato è una tecnica di marketing immobiliare ormai consolidata, nota con il nome di “Home Staging”; quest’ultima si basa su numerosi studi di neuromarketing, svolti da psicologi e neuroscienziati, atti a comprendere i meccanismi che spingono gli individui all’acquisto.

È stato dimostrato, ad esempio, che siamo attratti in modo innato dalle immagini di volti e di persone più che da ogni altro elemento di un ambiente; è quindi per questo motivo che lasciare foto o effetti personali in vista all’interno di una casa in vendita, può distrarre significativamente un potenziale acquirente durante la visita dell’immobile.

Presentare invece l’ambiente in modo più neutro, permette al potenziale acquirente di immaginare più facilmente la sua vita in quello spazio, creando una suggestione che incrementa le possibilità di successo nella vendita. (fonte: Come le neuroscienze ti possono aiutare a vendere un appartamento)

 

Come preparo quindi la mia casa per un servizio fotografico?

Esistono numerosi professionisti che si occupano di home staging, ma anche i proprietari, affidandosi all’esperienza del proprio consulente immobiliare e grazie a qualche semplice accorgimento, possono contribuire a presentare la propria abitazione al meglio non solo in vista del servizio fotografico, ma anche nella successiva fase delle visite.

Ecco quindi qualche consiglio utile.

 

1. Inizia dal decluttering

Se, come spesso accade, metti in vendita la tua casa dopo averci abitato per molti anni, è normale che nel tempo gli ambienti si siano man mano riempiti di ricordi e suppellettili.

Decluttering” è un termine inglese che significa letteralmente “fare spazio” ed è l’arte di liberarsi del superfluo.

Eliminare dalla casa gli oggetti superflui, oltre a facilitare la pulizia e a far sembrare più spaziosi gli ambienti, sembra avere un effettivo benefico anche a livello interiore, aprendo la nostra mente al futuro e a nuove possibilità. Quale momento migliore, quindi, per mettere in atto questa buona pratica, se non in vista di un futuro trasloco?

Ricorda inoltre che, sebbene ognuno sia libero di decorare la propria casa quanto e come gli piace, una stanza sovraccarica di soprammobili, giocattoli, complementi d’arredo, ecc., tenderà a sembrare visivamente più piccola. Uno stile più essenziale, al contrario, farà sembrare subito gli ambienti più ordinati e ariosi.

 

2. Ordine e pulizia

Sembrerà scontato, ma la base per la buona riuscita di uno shooting fotografico è presentare la casa ben pulita e ordinata, senza tralasciare eventuali terrazzi, giardini, magazzini, mansarde e altre pertinenze.

Persino un immobile con un grande potenziale, se presentato sporco e in disordine, susciterà istintivamente un’impressione negativa e di trascuratezza; di conseguenza il suo valore potrebbe risultare sminuito. L’immagine di una casa accuratamente pulita e sgombra da oggetti di “disturbo” restituirà, invece, la sensazione positiva di osservare un ambiente curato e di valore.

 

3. Riponi le foto e gli oggetti personali

Ogni casa è disseminata di foto, ricordi e oggetti che rimandano in modo diretto alla vita dei suoi proprietari; in previsione dello shooting fotografico e delle successive visite, sarebbe consigliabile riporre questi oggetti in un luogo non in vista per un duplice motivo:

  • salvaguardare la privacy degli attuali inquilini, in vista dell’ampia diffusione di foto e video promozionali in portali immobiliari e social media, accessibili da un vastissimo pubblico.
  • rendere l’ambiente più impersonale per far sì che i potenziali acquirenti possano immaginare la propria vita in quella casa.

 

4. L’importanza della luce naturale

È molto importante realizzare il servizio fotografico in presenza di condizioni meteorologiche favorevoli e durante quelle ore del giorno in cui la casa è meglio illuminata, solitamente la mattina o nelle ore centrali della giornata.

Ricorda inoltre di aprire tutte le imposte o di sollevare completamente le tapparelle, al fine di sfruttare il più possibile l’illuminazione naturale.

Un bravo fotografo saprà certamente come sfruttare una buona luce per valorizzare al massimo gli ambienti.

 

5. Interventi di manutenzione

Anche se ormai hai messo la tua casa in vendita, decidere di effettuare da sé o con una minima spesa alcuni piccoli interventi di manutenzione come stuccare una crepa, riparare una persiana, imbiancare una parete ingiallita, ecc., può significativamente migliorare l’impatto estetico persino di una casa un po’ datata, facendola risultare immediatamente più fresca e curata.

 

Ricapitolando:

 

  1. libera la casa dagli oggetti superflui
  2. presenta la casa ben pulita (non dimenticare vetri di finestre e porte finestre!)
  3. fai ordine, riponi in un luogo non in vista:
    • prodotti per la cucina e per il bagno, vestiti, giocattoli, e altri oggetti personali
    • foto, ricordi e oggetti che raffigurano la tua vita privata
    • poster, quadri e soprammobili a sfondo politico o religioso
  4. fai trovare al fotografo le migliori condizioni di illuminazione aprendo completamente tapparelle o imposte
  5. effettua piccoli interventi di manutenzione, se necessari